I libri del Seminario di Filologia Francese

2023

Le ragioni della finzione

Retorica letteraria e pensiero dei Lumi

I saggi riuniti in questo libro indagano le relazioni che si stabiliscono in letteratura tra forme della scrittura e contenuti ideologico-filosofico- morali. Il corpus dei testi considerati è tratto dalla produzione letteraria “impegnata” del Settecento francese, nella quale la complementarità di finzione e pensiero critico è costitutiva. Ferma restando l’estendibilità virtuale dell’approccio adottato a testi di altre epoche […]

Leggi

2022

Xavier de Maistre, Via della Provvidenza

Proposta per un percorso di lettura

Le Œuvres complètes di Xavier de Maistre (1763-1852) comprendono testi assai diversi tra loro: l’eccentrico Voyage autour de ma chambre (seguito dall’Expédition nocturne), il commovente Lépreux de la cité d’Aoste e due racconti ambientati in Russia (La Jeune sibérienne e Les Prisonniers du Caucase). Il denominatore comune di questo corpus così eterogeneo, pur nella sua modesta estensione, è rappresentato dalla presenza di tematiche […]

Leggi

2020

Il potere spassionato

Corneille, Molière, Racine e altri tre saggi teatrali

Il volume rintraccia costanti essenziali della drammaturgia seicentesca, attraverso l’analisi di diverse opere di Corneille, Molière, Racine. Nel conflitto presente tra istanze trasgressive e norme si mette in risalto, in particolare, il ruolo svolto dall’ideale di potere spassionato che si può affermare solo a doloroso scapito di passioni vietate e di privilegi. Tale ideale, nobile […]

Leggi

2020

Una duplice eclissi

Orfanità e sterilità nel romanzo francese degli anni Trenta

Drieu la Rochelle e Brasillach; Malraux, Nizan e Sartre; Céline e Simenon, Montherlant, Guilloux e Bove: la condizione di orfanità e sterilità rappresenta una costante fondamentale per comprendere il romanzo francese degli anni Trenta. Se già la letteratura tardo ottocentesca aveva posto l’accento sul déracinement dell’individuo, temi come l’evaporazione del padre e la crisi della […]

Leggi

2019

Violence des sentiments et violence de l’histoire.

Le roman français à l’orée du XIXe siècle

Joubert écrivait : « Delphine et Amélie de Mansfield sont à mes yeux deux ouvrages épouvantables dont le nom seul fait frissonner mon souvenir. J’ai vu la Salpêtrière et la Révolution et, par une liaison d’idées dont je n’aperçois que le nœud, je crois toujours voir attachées aux caractères de ces livres la chemise des […]

Leggi

2017

Monsieur de Combourg e i pellerossa

Il mito dell’America selvaggia nell’opera di Chateaubriand

Già da alcuni decenni, lo sviluppo degli studi su Chateaubriand ha permesso di mettere a fuoco le facce contrastanti di un autore poliedrico. Ci sono i portavoce di un’ideologia e di una poetica conservatrici: il restauratore degli altari, il paladino dei Borboni, il classicista tardivo che detesta il romanzo borghese e continua a praticare l’epopea […]

Leggi

Torna su